Opinion: Matteo Salvini's Lega Nord party are set to do very well in this week's European elections which may be bad news for the EU (C'è una versione italiana di questo articolo qui sotto)

The EU is in crisis. Brexit has dealt a major blow to European unity, and Nigel Farage is still a major thorn on Brussels’s side. But right now the biggest threat to the longevity of the European project does not come from the UK, but from Italy. Depending on how well Matteo Salvini's Lega Nord party does in the European elections, May 24th 2019 could go down in history for all the wrong reasons. It could even mark the beginning of the end of the EU.

That Brexit has monopolised Europe’s political attention is understandable, but also unforgivable, and Brussels’ neglect of other political trends across the European continent nothing short of irresponsible. While Theresa May and Jean-Claude Juncker were keeping a close eye on each other, and the rest of Europe was scrutinising every development in London and Brussels, no one was paying any attention to what was going on in Rome. This allowed Salvini to build unchallenged a personal political capital firmly rooted on the holy triad of the far-right: anti-immigration, anti-EU, and populist nationalism.

Acting as interior minister and deputy prime minister, Salvini's decision last August to prevented 177 migrants rescued in the Mediterranean from disembarking to an Italian coastguard ship was unprecedented, and perhaps even criminal. This "closed port policy", aimed at stopping NGO boats from rescuing refugees, is contrary to international law and humanitarian ethics and is fascism in everything but name.

From RTÉ Radio 1's News At One, a report on Italy turning away the MSF boat Aquarius carrying over 600 migrants in August 2018

It is indicative that Salvini has chosen the far-right publisher Altaforte for his book-long interview Io Sono Matteo Salvini. Altaforte’s editor Francesco Polacchi is belligerent about his political extremism and nostalgia for Italy’s fascist past: "I’m a fascist. Antifascism is the real ill of this country. Mussolini was the greatest Italian statesman".

Salvini’s political clout finds legitimacy in the amalgamation of three long-established right-wing forces in Italian politics. The first is the Lega Nord (Northern League), of which Salvini is the leader. In the last election the party secured 17% of the votes, but a recent poll suggests that it will win 30% of the votes in the next European elections.

The second is Forza Italia, founded by Silvio Berlusconi. The historical electorate of this party is migrating towards Salvini’s Northern League as Berlusconi, now 82, enters the dusk of his political career. The third right-wing force is made up of hardcore fascists, who have been without a proper home for the last 10 years. Back in 1996, their historical party, Alleanza Nazionale, secured 15.7% of the votes, which suggests that fascism is still a considerable force in Italian politics.

Salvini knows that there are many votes to be gained on the right, and politicians like him always gravitate where the votes are. Salvini knew what he was doing last March when he attended and endorsed the anti-LGBT, anti-feminist and anti-abortion World Congress of Families (WCF), held in Verona. At the next general election, Salvini’s Lega Nord will probably be the biggest party in Italy by a considerable margin - and he will be Italy’s next prime minister.

Of course, Italy is not alone in falling for the sirens of the extreme right. Poland and Hungary are also top of the class, but Italy plays a much bigger role in European affairs historically, politically and economically, and has greater influence. In part, this explains why Salvini is the role model of Spain’s new far-right party VOX, which won more than 10% of the vote in April’s general election. It is also why Salvini is the main player behind a new far-right alliance in Europe and within the European parliament.

We Europeans like to criticise Donald Trump’s flirtation with the alt-right, but choose to overlook the extreme-right in our mist. Juncker has recently stated that it was a mistake not to intervene or interfere with the Brexit referendum in 2016. However, Brussels has been making that same mistake over and over again in the last three years right across Europe. The EU should have come down hard on Hungary and Poland. It should have come down hard on Italy’s Antonio Tajani, president of the European Parliament, when he said in March that "I’m not a fascist, I have never been a fascist, but if we must be honest, Mussolini built roads, bridges, buildings". And it should come down hard on Italy’s Salvini now.

But above all, the EU needs to remind all European citizens that a vote for a pro-EU party is not a vote for a common currency but a vote for a set of values: equality, solidarity, social justice, and democracy. What is required from Brussels is less economics and more political philosophy. The European Union was conceived to strengthen European democracy, but the democratic values that propelled the European Union are seldom mentioned, quickly forgotten under the diktat of trade agreements and financial imperatives.

For as long as the EU is seen as nothing more than the vessel of neoliberalism and austerity, the likes of Salvini will always find fertile ground to propel their abusive, offensive, divisive far-right rhetoric. Fascism is not an historical incident, but a political reality. Salvini has already done a lot of damage to the moral and political fabric of Italian society, and given the opportunity he will do even more damage to the European Union.

Vittorio Bufacchi is co-author with Simon Burgess of Italy Since 1989 (Palgrave) 


The views expressed here are those of the author and do not represent or reflect the views of RTÉ


Sarà l'Italia a far precipitare l'Europa?

Opinione: La Lega Nord di Salvini potrebbe raggiungere ottimi risultati nelle prossime elezioni Europee. Se accade, sarà una cattiva notizia per l'UE

L'UE è in crisi. La Brexit ha inferto un duro colpo all'unità europea, e Nigel Farage è tutt’oggi una grossa spina nel fianco di Bruxelles. Ma in questo momento la più grande minaccia alla longevità del progetto europeo non viene dal Regno Unito, ma dall'Italia. A seconda di come andrá per la Lega Nord di Matteo Salvini alle elezioni europee, il 24 maggio 2019 potrebbe passare alla storia per tutte le ragioni sbagliate. Potrebbe addirittura segnare l'inizio della fine dell'UE.

Che la Brexit abbia monopolizzato l'attenzione politica dell'Europa è comprensibile, ma anche irresponsabile, e l’errore di Bruxelles di ignorare le altre faccende politiche nel resto del continente europeo a dir poco imperdonabile. Mentre la Theresa May e Jean-Claude Juncker si sorvegliavano a vicenda, e il resto dell'Europa stava esaminando ogni sviluppo a Londra e a Bruxelles, nessuno stava prestando attenzione a quello che stava succedendo in Italia. Ciò ha permesso a Salvini di muoversi indisturbato e di costruire un capitale politico personale saldamente radicato nella santa triade dell'estrema destra: anti-immigrazione, anti-UE, e populismo nazionalista.

Le sue decisioni, da Ministro degli Interni e Vice Presidente del Consiglio, di far attraccare al porto di Valencia la nave Aquarius, con a bordo 629 migranti dopo 9 giorni in mare; poi il rinvio di cinque giorni dello sbarco della nave Ubaldo Diciotti che aveva soccorso 190 persone nelle acque internazionali al largo dell’isola di Malta; e infine lo stallo imposto ai 177 migranti del pattugliatore della Guardia costiera, salvati al largo di Lampedusa, non hanno precedenti, è forse costituiscono addirittura un atto criminale. La sua politica dei "porti chiusi", intesa a fermare le imbarcazioni delle ONG dal salvataggio dei dispersi nel Mediterraneo, è contraria al diritto internazionale e all'etica umanitaria. Questo è il fascismo in tutto tranne che nel nome. È indicativo che Salvini abbia scelto l'editore di estrema destra ‘Altaforte’ per il suo libro Io Sono Matteo Salvini. L'editore di ‘Altaforte’, Francesco Polacchi, è politicamente schiarato con l’estrema destra, senza alcuna ombra di dubbio o vergogna: "Sono un fascista. L'antifascismo è il vero malato di questo paese. Mussolini era il più grande statista italiano".

Il fenomeno Salvini si puó spiegare in termini dell'unione di tre forze politiche di destra di lunga tradizione: la prima è la Lega Nord, di cui Salvini è il leader. Nelle ultime elezioni la Lega Nord ha ottenuto il 17% dei voti, ma un recente sondaggio indica che vincerà il 30% dei voti nelle prossime elezioni europee. La seconda forza di destra è il partito ‘Forza Italia’, fondato da Silvio Berlusconi. L'elettorato storico di questo partito sta migrando verso la Lega Nord di Salvini, visto che Berlusconi, ora che ha compiuto 82 anni, entra nel tramonto della sua carriera politica. La terza forza di destra è composta dai veri e propri fascisti, intransigenti e numerosi, coloro che sono rimasti senza una seria dimora politica negli ultimi 10 anni: nel 1996 il loro partito storico, Alleanza Nazionale, ottenne il 15,7% dei voti, il che fá pensare che il fascismo è ancora una forza considerevole nella politica italiana. Salvini sa che ci sono molti piú voti da guadagnare a destra che a sinistra, e i politici gravitano sempre dove sono i voti. Salvini sapeva cosa stava facendo lo scorso marzo quando ha partecipato al Congresso Mondiale delle Famiglie (WCF), tenutosi a Verona, dando il suo consenso a posizioni politiche anti-LGBT, anti-femministe e anti-aborto. Alle prossime elezioni la Lega Nord sarà probabilmente il più grande partito in Italia, e Salvini sarà quasi sicuramente il prossimo Ministro del Consiglio.

L'Italia non è la sola a cedere alle sirene dell'estrema destra. Anche la Polonia e l'Ungheria si sono spostate su posizioni simili, ma storicamente, politicamente ed economicamente, l'Italia svolge un ruolo molto più importante negli affari europei e ha una maggiore influenza. In parte questo spiega perché Salvini è il modello del nuovo partito spagnolo VOX di estrema destra, che ha vinto oltre il 10% dei voti nelle elezioni generali di aprile, e anche perché Salvini è il principale protagonista di una nuova alleanza di estrema destra in Europa e all'interno del Parlamento europeo.

A noi europei piace criticare Donald Trump quando simpatizza con con i movimenti politici di estrema destra, la cosidetta l'Alt-Right, peró chiudiamo un occhio quando i nostri politici si comportano in modo simile. Jean-Claude Juncker ha recentemente affermato che è stato un errore non intervenire o interferire con il referendum Brexit nel 2016, ma negli ultimi tre anni Bruxelles ha commesso lo stesso errore ripetutamente in tutta Europa. L'UE doveva prendere una posizione molto piú dura contro l’Ungheria e Polonia. Avrebbe dovuto censurare e penalizzare Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, quando alcuni mesi fa ha detto: "Non sono un fascista, non sono mai stato un fascista, ma se dobbiamo essere onesti, Mussolini ha costruito strade , ponti, edifici". E ora Bruxelles dovrebbe essere intransigente con Salvini.

Ma soprattutto, l'UE deve ricordare a tutti i cittadini europei che un voto per un partito pro-UE non è un voto per una moneta comune ma un voto per un insieme di valori: uguaglianza, solidarietà, giustizia sociale e democrazia. Ciò che è richiesto a Bruxelles è meno economia e più filosofia politica. L'Unione europea è stata concepita da Altiero Spinelli per rafforzare la democrazia europea, ma i valori democratici che hanno dato nascita all'Unione Europea sono raramente menzionati, rapidamente dimenticati sotto il diktat degli accordi commerciali e degli imperativi finanziari.

Finché l'Unione Europea verrà vista solo come il bastione del neoliberismo e dell'austerità, i politici di destra come Salvini troveranno sempre terreno fertile per la loro retorica offensiva, intollerante, e razzista. Il fascismo non è un episodio storico ma una realtà politica. Salvini ha già arrecato molti danni al tessuto morale e politico della società italiana e, data l'opportunità, farà ancora più danno all'Unione Europea.

Vittorio Bufacchi insegna filosofia politica presso la University College Cork, in Irelanda. E’ autore (con Simon Burgess) di L’Italia Contesa: Dieci anni di Lotta Politica da Mani Pulite a Berlusconi (Carocci, 2004).


Le opinioni espresse qui sono quelle dell'autore e non rappresentano né riflettono le opinioni di RTÉ